RallyManiaStory


Vai ai contenuti

Menu principale:


Munari Sandro

Schede Piloti > A - M

" Il Drago "

Se pensi ai rally del passato, quelli dominati da un’auto magica come la Lancia Stratos, il ricordo vola agli odori delle benzine ricinate, a quelle vetture “normali” che sfidavano le leggi della fisica a ogni tornante, (prive, com’erano, di tutte le diavolerie elettroniche che incollano a terra i bolidi di oggi), alle lunghe gite dal sapore quasi naif per inseguire i piloti tra una prova speciale e l’altra. E a un nome. Uno su tutti: quello di Sandro Munari, il Drago di Cavarzere, che ha dedicato un’intera carriera alle auto. Una carriera costruita passo dopo passo nel solco di un grande amore: le quattro ruote, con il sogno di diventare pilota di Formula Uno o Sport Prototipi che, grazie a una favorevole coincidenza, si trasforma in una splendida realtà costellata di trionfi sulle strade di tutto il mondo.
Gli esordi risalgono al 1959: le prime gare col go kart-costruito insieme a un gruppo di amici nel retrobottega del negozio di elettrodomestici di un amico appassionato di motori. I primi successi, poi divenuti sempre più frequenti, un po’ ovunque, e l’incontro, qualche anno più tardi, con Arnaldo Cavallari, che gli spiana la strada nel mondo dei rally.
I due si conoscono per caso, a una competizione di kart. Il campione di Adria mette in palio una coppa che tocca proprio al ragazzo veneto che i genitori tentano invano di tenere lontano dal mondo delle corse, "troppo pericoloso". Una stretta di mano e via tra il pilota affermato e il giovane innamorato del volante. La storia poteva finire lì. Invece no, i due si trovano qualche tempo dopo: Cavallari cerca qualcuno che lo accompagni a provare il Rally degli Estensi, nel Ferrarese, perché il suo navigatore abituale è indisposto, e si ricorda di quel tipo che non aveva visto vincere ma che gli era piaciuto subito.
Le cose vanno talmente bene che Cavallari decide di dare fiducia al giovane compagno di prove, del quale intuisce subito il talento e la sensibilità alla guida, inizia a portarlo con sé in gara e parla di lui a Mario Angiolini, allora deus ex machina della Jolly Italia, la scuderia più importante d’Italia.
Nel 1964, a 24 anni, Munari inizia a correre come navigatore. Nel 1966 entra nella squadra corse Lancia: un anno dopo vince il Tour de Corse con la Fulvia HF, regalando al marchio Lancia e a se stesso la prima grande vittoria. Gara che rivince di nuovo nel 1976, sulla Stratos, costituendo un’impresa che è ancora oggi un'esclusiva tra i piloti italiani.
Nel 1972 vince il Rally di Montecarlo, sogno di tutti i rallyman, con un successo tanto significativo e importante da entrare nella storia del rallismo; successo che conferma negli anni seguenti ('75, '76, '77) sempre con la Stratos, costituendo un vero record. Conquista nello stesso anno con la Ferrari ufficiale 312P la targa Florio contribuendo alla vittoria del Campionato Mondiale Marche, arrivando quarto alla 1000 Km di Zeltweg in Austria. Nel '74 vince con la Stratos il Tour de France.
Nel '67 e '69 è Campione italiano di Rally, nel '77 Campione mondiale. Dopo aver corso e vinto sulle strade di tutto il mondo (ha disputato per otto volte il Safari Rally in Kenya, conquistando un secondo posto e due terzi, sfiorando in più d’una occasione il successo) Munari ha smesso di correre, ma non ha certo abbandonato la sua passione: ed è con lui che è nata la scuola di guida sicura "Munari per Mercedes Benz". Una scuola dedicata a tutti gli automobilisti che vogliono imparare a mantenere il controllo della vettura in ogni condizione di tempo e di fondo.

Home Page | Chi sono | Le mie gare | I miei video | Speciale Rallylegend | Speciale Rally Event | Fotografie per modello vettura | Le Vostre Foto | Filmati | Schede vetture | Schede Piloti | Schede Navigatori | Schede Scuderie | Link | Manda le tue foto | Firma il libro degli Ospiti | Contatti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu