RallyManiaStory


Vai ai contenuti

Menu principale:


Mouton Michele

Schede Piloti > A - M

Quando Michele si è arrampicata sul tetto della sua Audi Quattro alla conclusione del rally  di San Remo 1981 e toglie il tappo dalla bottiglia del champagne, tanti considerano questa sua vittoria un evento. Una donna aveva conquistato un il primo posto assoluto in un rally valevole per il campionato mondiale , un' evento fino ad ora da molti considerato impossibile. La sua vittoria e quelle a seguire, hanno dato inizio ad un nuovo capitolo nel libro della storia dei rally.
Michele racconta ; "ho sempre amato guidare”, a quattordici anni di nascosto presi l’automobile di mio padre, tanto che lui pensò ad un furto e guidai intorno alla nostra proprietà a Grasse.
Ero impaziente di avere 18 anni unicamente per poter avere la patente, innanzi tutto ho iniziato ad amare le vetture, le competizioni sono arrivate più tardi a 22 anni.
Guidare si è rivelato subito per me un sinonimo di libertà e di indipendenza, ancora oggi ho bisogno di guidare perché mi permette di pensare e trovo che sia il miglior modo per evadere, per me il lusso è partire all’avventura e guidare senza una meta precisa.
Un amico locale stava entrando nel giro delle Corse e chiese a Michele di essere la sua navigatrice per disputare il rally di Monte Carlo era il 1973.
A questo punto il padre di Michele entra in scena. Anche lui con la passione per i rally, Michele dice “sono sicura che sarebbe stato un ottimo pilota se solo avesse avuto l’occasione, ma ha dovuto concentrarsi sul suo lavoro di assicuratore e al podere di famiglia. Visto il mio interesse mi condusse ad acquistare una Renault Alpine 1600 gruppo 3, un’automobile nata per i rally , era sempre il 1973 e disputai il mio primo rally da pilota”.
Dal 1974 al 1978 vince più volte il campionato francese ed europeo rally.
Nel 1977, un'occasione molto speciale si presentò a Michele , il rally di Spagna. Attraverso i contatti con la Elf gli fu affidata una Porsche dalla squadra di Almeras.
"Questo rally lo ricordo molto bene, Sandro Munari, la grande stella aveva il numero uno, numero due era il campione spagnolo Zanini, ed io avevo il numero tre. Sono stata completame
nte sopraffatta dall’eccitazione ma la gara non è andata nel migliore dei modi, non avevamo abbastanza mezzi di assistenza, il che ci ha portato a disputare ben tre prove speciali su asfalto bagnato con le slicks e le prove sterrate con quattro pneumatici Michelin usate da Jorge de Bagration.
Al termine dell’ultima prova speciale si ruppe anche la barra di torsione, portai la vettura al parco chiuso con il posteriore che strisciava per terra”
“Era incredibile come riuscimmo a concludere la gara, era per me comunque un’importante risultato. Mi sono resa conto che ero realmente motivata e spinta a dimostrare cosa avrei potuto fare” .
Dal 1978 al 1980 Michele diventa pilota ufficiale Fiat France vincendo alcune gare valevoli per il campionato Francese rally, prima del suo approdo in Audi nel 1981 ricordandosi molto bene di quando Walter Treser le chiese di guidare un’ Audi Quattro. "Non gli diedi subito una risposta in quanto non conoscevo l’ Audi Quattro ! Però gli domandai se la sua offerta era perché ero donna e lui rispose di sì”.
La firma sul contratto arriva e risulta essere un movimento riuscito per Audi. La personalità di Michele ha riscosso un ottimo successo anche in Germania dove ottiene anche una grande popolarità.
La maternità dell’abituale navigatrice Annie Arrii, vede sedere al fianco di Michele, Fabrizia Pons che al contrario della francese aveva iniziato la carriera rallystica come pilota.
La prima gara della nuova coppia e il rally di Portogallo 1981 “Risate a crepapelle quando Fabrizia a dovuto leggere per la prima volte le note in francese, la parola “droit” non era perfetta ma il tutto ha funzionato bene immediatamente.
"La prima volta che ho guidato realmente un’Audi Quattro era come apripista numero zero ad un rally nazionale in Finlandia, a Oulu nella neve. La mia prima volta su quell'automobile, la mia prima volta  su un evento 'segreto ', la mia prima volta sulla neve. Non mi ricordo molto ma fu abbastanza duro!"
Che cosa rimane più impresso nella memoria di Michele ? "Il rally di San Remo 1981 è stato qualcosa di veramente importante. La mia prima vittoria, la prima vittoria femminile in una gara valevole per il campionato mondiale, la mia prima vittoria sull’Audi. Una gara evento dove abbiamo dovuto combattere con Ari Vatanen. Per la prima volta ho realizzato che potevo vincere e per un pilota è la cosa più importante. Ancora mi ricordo quando i meccanici hanno scelto dei fiori consegnandoceli all’ultimo punto di assistenza”.
Una persona veramente speciale per Michele fù Hannu Mikkola, suo compagno di di squadra in Audi. Di lui dice “è una persona veramente speciale che rispetta il lavoro altrui, mi ricordo quando stava conducendo il rally dell’acropolis, è venuto da mè decendomi 'che cosa state facendo siete fantastiche '.
"Una cosa che mi faceva sorridere era che Hannu si rivolgeva a mè come se io fossi stata un meccanico dimenticandosi sempre che io di meccanica non ho mai capito niente” .
L’anno 1982 vede Michele vincere tre gare valevoli per il mondiale rally, il Portogallo, l’Acropoli e il rally del Brasile, permettendogli di classificarsi seconda assoluta nella graduatoria finale alle spalle di Walter Rohrl, con un po’ di rammarico, in quanto una rottura al rally della Costa d’Avorio avrebbe potuto regalarle il titolo di Campionessa Mondiale Rally.
Nel 1985 Michele vince la famosa gara in salita del “Pikes’s Peak” in Colorado stabilendo anche il record della corsa, è la prima donna a vincere questa gara.
Nel 1986 diventa pilota ufficiale Peugeot, dove mette termine alla sua carriera professionale.
Nel 1988 e 1989 a bordo di una Peugeot disputa alcuni raid, Faraoni, Tunisia …
Dopo il suo ritiro come pilota, Michele è rimasta nel mondo dei rally organizzando annualmente il rally dei campioni , gara che vede riuniti i migliori campioni del mondo rally, e che si disputa alle Canarie.
Michèle è senza dubbio la pilota di rally che più si è messa in mostra dando filo da torcere a molti piloti del sesso opposto ed internazionalmente più famosa.


Home Page | Chi sono | Le mie gare | I miei video | Speciale Rallylegend | Speciale Rally Event | Fotografie per modello vettura | Le Vostre Foto | Filmati | Schede vetture | Schede Piloti | Schede Navigatori | Schede Scuderie | Link | Manda le tue foto | Firma il libro degli Ospiti | Contatti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu